UN COMPLESSO RESIDENZIALE INTERAMENTE IN LEGNO PER CREARE VALORE SUL TERRITORIO

A Bressanone, holzius realizza un’opera architettonica nel segno della valorizzazione delle risorse locali e di una scelta ecologica del costruire

 Alcuni progetti richiedono più tempo per maturare: è questo il caso del nuovo complesso residenziale St. Albuin realizzato interamente in legno per la Diocesi di Bolzano-Bressanone da holzius, realtà unica nel panorama della bioedilizia che si contraddistingue per la realizzazione di costruzioni moderne in legno e di pareti in legno massiccio non trattato, raccordati con un sistema brevettato, senza uso di colle e parti metalliche. 

Foto Arnold Ritter

Il committente aveva ricevuto dall’amministrazione comunale, in cambio di un edificio nel centro storico oggi adibito a biblioteca pubblica, un terreno edificabile situato in un vicolo tranquillo e senza traffico. L’idea era un’architettura che riflettesse, nei metodi di costruzione e nella scelta dei materiali, l’alta qualità abitativa dell’area circostante. Nel corso di vari incontri con gli esperti dell’amministrazione forestale diocesana, i cui uffici avrebbero dovuto essere ospitati nel nuovo edificio, sono emersi i vantaggi del legno come materiale da costruzione

Foto Arnold Ritter

“Ciò che ci ha convinto sono stati gli argomenti a favore di tale metodo di costruzione naturale: la sostenibilità del materiale, l’elevata qualità abitativa e il fatto che la Diocesi di Bolzano-Bressanone potesse fornire essa stessa il materiale da costruzione attingendo direttamente alla sua proprietà forestale”, sottolinea Franz Kripp, l’economista diocesano. 

“Abbiamo sviluppato un concetto che integra l’architettura degli edifici ferroviari esistenti – Christine Pfeifer, di Pfeifer Partners, responsabile del progetto – e si inserisce bene in questa interfaccia ai margini dei Giardini di Hofburg tra la periferia e il centro della città”. 

Con una superficie edificabile di 1.700 m2, il complesso ospita un parcheggio sotterraneo, un seminterrato e un’area residenziale che si compone di un piano terra e tre piani rialzati con dodici appartamenti tra bilocali, trilocali e quadrilocali che al pian terra dispongono di un’area giardino, altrimenti di ampi balconi. Sempre al piano terra sono ubicati gli uffici dell’amministrazione forestale diocesana per un totale di 850 m2 abitabili complessivi. 

Foto Arnold Ritter

A parte il nucleo di accesso all’edificio (vano ascensore e scala e una parete in cemento armato), il resto della struttura portante, comprese le pareti e i soffitti, è stato realizzato in legno massiccio. La costruzione è rivestita, all’esterno, da una base bianca che crea un gioco di colore con il resto della facciata dai toni scuri, all’interno, da pavimenti in legno e da pareti rivestire di pannelli in legno lasciati allo stato grezzo. Gli appartamenti sono dotati di soffitti sospesi in argilla con riscaldamento integrato. Nei locali dell’amministrazione forestale, la qualità del legno massiccio è più evidente, i pavimenti sono in larice, mentre le pareti in parte in cembro. 

Foto Arnold Ritter

Il legno massello adoperato per la costruzione del complesso residenziale proviene da boschi di proprietà della diocesi di Bolzano-Bressanone. Si tratta in gran parte di alberi abbattuti dalle raffiche di vento della tempesta Vaia del 2018. Il legno è stato tagliato in una segheria di Funes e infine trasformato in elementi prefabbricati per pareti, soffitti e tetti presso holzius a Prato allo Stevio. In questo modo, i costi di trasporto sono stati ridotti al minimo. Grazie al metodo di costruzione, all’esecuzione e all’efficienza energetica, l’edificio potrebbe essere certificato come casa clima A Nature già durante la fase di costruzione. L’analisi del ciclo di vita dell’edificio ha dimostrato che gli sforzi di committenti, progettisti e artigiani sono stati ripagati: rispetto agli edifici tradizionali, sono state risparmiate 1.800 tonnellate di CO2. 

Foto Arnold Ritter

holzius

Fondata nel 2005 e situata nel Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Venosta, holzius è una realtà unica nel panorama della bioedilizia dove si contraddistingue per la realizzazione di costruzioni moderne in legno e di pareti in legno massiccio non trattato, raccordati con un sistema brevettato, senza uso di colle e parti metalliche. In particolare, il sistema brevettato di holzius consiste in un tassello in legno con bordi a coda di rondine che, insieme alle giunzioni a pettine e incastri, e all’utilizzo dell’antica tecnica di avvitatura con cavicchio filettato in legno, permette di realizzare pareti, solai e tetti senza l’impiego di colle o parti metalliche, soddisfacendo così sia i più alti standard biologici di costruzione che i requisiti tecnici di prestazione delle costruzioni moderne. Gli elementi holzius sono realizzati con legno proveniente da foreste certificate PEFC. La sigla PEFC sta per Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes (Programma per il Riconoscimento degli schemi di Certificazione Forestale) e rappresenta un sigillo di qualità che garantisce il rispetto di una serie di criteri ecologici in silvicoltura. Il sigillo è sinonimo di gestione forestale sostenibile, rispetto per la flora e la fauna, nonché mantenimento della biodiversità. Il sigillo garantisce inoltre l’osservanza di tutte le norme di sicurezza previste nei lavori forestali. holzius utilizza anche il “legno lunare”, legno tagliato cioè durante le fasi di luna calante previste dal calendario forestale, in cui la linfa entra in fase di riposo consentendo al materiale di acquisire ulteriori qualità di stabilità, durabilità, durezza, resistenza ai parassiti nonché agli incendi. In perfetto accordo con le istanze della Circular Economy, gli elementi di holzius prive di colle, parti metalliche e materiali tossici, possono essere smaltite interamente, reimmettendo semplicemente il materiale nel ciclo produttivo o utilizzandolo per produrre energia. Con una media costruttiva di circa 70 abitazioni all’anno e una squadra di oltre 50 dipendenti, a oggi holzius ha realizzato più di 600 costruzioni in Italia e in Europa.

Foto Arnold Ritter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.