Ristrutturazioni di vecchi edifici: alcuni dei lavori più comuni

I vecchi edifici sono sempre una valida scelta. Sia coloro che sono alla ricerca di una casa in cui vivere, sia coloro che sono alla ricerca di un fondo commerciale, di uno studio, di un ufficio, hanno infatti in questo modo la possibilità di spendere delle cifre davvero molto contenute. Ma, dirà qualcuno, il risparmio è vano, considerando che poi è necessario sottoporre questo vecchio edificio a non pochi lavori di ristrutturazione. È vero, i lavori di ristrutturazione necessari possono essere davvero numerosi, ma risparmiare è sempre possibile chiedendo dei preventivi dettagliati, senza dimenticare poi che una parte dei lavori di ristrutturazione può anche essere detratta fiscalmente e che sono disponibili molte agevolazioni economiche.

Ma quali sono i lavori di ristrutturazione più diffusi per i vecchi edifici? Navigando sui siti internet delle ditte specializzate in ristrutturazioni, avete la possibilità di vedere alcuni lavori effettuati con foto del prima e del dopo e con l’indicazione di ogni intervento che è stato necessario effettuare. Prendiamo ad esempio in considerazione la ristrutturazione clinica dentale vicenza, che è stata realizzata da Futur House Vicenza. Qui è presente infatti una lista di lavori che sono molto comuni, diffusi e che quindi anche voi sicuramente dovrete prendere in considerazione nel caso in un vogliate optare per un vecchio edificio.

Tra i lavori di ristrutturazione indicati che ci sentiamo in dovere di segnalare troviamo:

  • Impianti idraulici ed elettrici. Laddove gli impianti non sono presenti, è necessario ovviamente farli ex novo. Laddove sono presenti, trattandosi di vecchi edifici, è possibile che gli impianti non siano a norma e quindi è di fondamentale importanza rinnovarli, rendendoli sicuri e adatti alle normative attualmente vigenti.
  • Antincendio. Questo è un lavoro di ristrutturazione che non tutti prendono in considerazione, ma che è da considerarsi di fondamentale importanza per la sicurezza dell’edificio, sia che si tratti di una casa, sia che si tratti di un luogo di lavoro. L’impianto consente di spegnere un incendio sul nascere e offre alle persone presenti all’interno dell’edificio la possibilità di mettersi in salvo.
  • Antifurto e videosorveglianza. L’installazione di impianti di questa tipologia era un tempo considerata inutile, mentre oggi si tratta di un lavoro di ristrutturazione che merita assolutamente di essere preso in considerazione, dato che la microcriminalità è sempre più intensa in ogni città italiana e che è semplice quindi cadere nel mirino di possibili ladri.
  • Cartongessi. Il cartongesso è senza alcun dubbio la scelta ideale per coloro che devono dividere gli ambienti, una scelta che risulta sicuramente molto più economica rispetto a pareti in muratura di stampo tradizionale, capace di occupare meno spazio, così che la superficie calpestabile risulti più elevata, capace di consentire la massima personalizzazione possibile di ogni ambiente.
  • Infissi. Tra i lavori di ristrutturazione caldamente consigliati c’è la sostituzione degli infissi, in modo da poter garantire un migliore isolamento degli ambienti interni, per un edificio che risulta a risparmio energetico.
  • Tinteggiature. Scegliendo tinte adeguate è possibile ottenere isolamento acustico e termico e tenere alla larga l’umidità, con la possibilità allo stesso tempo anche di rendere gli ambienti adatti allo scopo per cui li state ristrutturando, abitativo quindi o lavorativo che sia, belli, moderni e carichi di fascino.
  • Pavimenti. Anche la scelta dei pavimenti è importante, così che sia possibile donare carattere ad ogni ambiente, rendendolo accogliente e confortevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.